Il Fronte Polisario chiede all’ONU di intervenire per far rilasciare i prigionieri politici saharawi

Il Fronte del Polisario ha invitato venerdì scorso le Nazioni Unite a intraprendere un’azione urgente per il rilascio dei prigionieri politici di etnia sahrawi, sottolineando che il Marocco è pienamente responsabile delle gravi conseguenze che potrebbero derivare dalla sua insistenza nel tenerli sotto una detenzione ingiusta. Secondo quanto riferito da Sahara Press Service, il Segretario Generale del Fronte Polisario, Brahim Ghali, avrebbe dichiarato che: “L’ONU deve intervenire urgentemente per il rilascio di tutti i prigionieri saharawi nelle carceri marocchine, in particolare con lo scoppio della pandemia di coronavirus. Lo Stato marocchino è pienamente responsabile delle gravi conseguenze e della sua insistenza nel mantenerli in ingiusta detenzione”.

Durante l’incontro, l’ufficio permanente ha affrontato alcuni punti, concentrandosi sulla situazione generale, nei suoi vari aspetti, in particolare alla luce delle condizioni risultanti dalla diffusione della pandemia di coronavirus nel mondo. (SPS)

Il 14 dicembre 1960 l’ONU votò la risoluzione n. 1514 con la quale si riconosceva il diritto all’indipendenza per le popolazioni dei paesi colonizzati. Nel 1963 il Sahara Occidentale fu incluso dalle stesse Nazioni Unite nell’elenco dei paesi da decolonizzare e nel dicembre di due anni dopo l’Assemblea Generale affermò il diritto all’indipendenza del popolo saharawi, invitando la Spagna a metter fine alla sua occupazione coloniale dell’area. Nel 1966 l’ONU ratificò l’atto di autodeterminazione del popolo sahrawi. Pur tuttavia, ai primi del 1975 e da una posizione esterna alla decolonizzazione spagnola, il re del Marocco Hassan II espresse la sua totale opposizione all’indipendenza del paese, occupando gran parte di esso ed effettuando una mirata sostituzione etnica nell’area ancora oggi non indipendente.

Sull’area, ricca di fosfati, il Marocco continua ancora oggi ad avanzare le sue pretese espansionistiche ed è per questo che le popolazioni della regione hanno conosciuto grandi difficoltà per realizzare le loro ambizioni a vedersi riconosciuti su un piano internazionale e persino sul piano inter-arabo, a causa del prestigio internazionale del potere marocchino.

Fonti: SENM, Sahara Press Service

Sostieni il nostro giornalismo indipendente su Patreon, la più grande piattaforma online dedicata alle donazioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...