Nagorno Karabakh: tra continuità politica e ricerca di riconoscimento internazionale

La Repubblica dell’Artsakh (Արցախի Հանրապետություն, Artsakhi Hanrapetut’yun) è de facto uno stato a riconoscimento limitato, non riconosciuto da alcun membro dell’ONU, autoproclamatosi indipendente dall’Azerbaigian. Situato nel Caucaso meridionale, nella regione del Nagorno Karabakh (anche “Alto Karabakh” o “Karabakh Montuoso”), confina a ovest con l’Armenia, a sud con l’Iran, a nord e ad est con l’Azerbaigian. Gli attuali confini territoriali sono stati determinati al termine del conflitto scoppiato nel gennaio del 1992, dopo l’avvenuta proclamazione di indipendenza e corrispondono, grosso modo, a quelli dell’antica regione armena di Artsakh. All’epoca, il soviet locale, utilizzando la legislazione sovietica dell’epoca, dichiarò la nascita della nuova repubblica dopo che l’Azerbaigian aveva deciso di fuoriuscire dall’Unione Sovietica recentemente al collasso. Seguirono un referendum ed elezioni, ma nel gennaio dell’anno seguente la reazione militare azera accese il conflitto che si concluse con un accordo di cessate il fuoco nel 1993. Da allora sono in corso negoziati di pace sotto l’egida del Gruppo di Minsk. Alcune porzioni del territorio (parte della regione di Shahoumyan e i bordi orientali delle regioni di Martouni e Martakert) sono ancora sotto controllo azero pur essendo rivendicate dagli armeni come parte integrante del loro Stato. Prima del referendum costituzionale del 20 febbraio 2017 lo Stato aveva il nome ufficiale di Repubblica del Nagorno Karabakh (Լեռնային Ղարաբաղի Հանրապետություն, Lernayin Gharabaghi Hanrapetutyun). Nel 2018, a luglio, il rinnovarsi delle ostilità nella regione separatista del Nagorno-Karabakh ha provocato la morte di almeno due civili di etnia azera, tra cui un minore, dopo un bombardamento compiuto da forze sostenute dall’Armenia.

Il 31 marzo e il 14 aprile si sono svolte le nuove elezioni presidenziali nel paese. Dopo il conteggio dei voti, nessuno dei candidati superò il 50% + 1 dei voti richiesti e dunque è stato indetto un secondo turno per il 14 aprile. Al primo turno l’ex primo ministro della Repubblica Artsakh, A. Harutyunyan, aveva ricevuto il 49,26% dei voti, seguito dal ministro degli esteri M. Mayilyan con il 26,4% ed infine dall’ex segretario del Consiglio di sicurezza V. Balasanyan, che ottenne il 14,7%. Alle elezioni hanno partecipato circa il 73,5% degli elettori, con un’affluenza molto alta in tutto il paese.

Nel secondo turno del 14 aprile 2020, è stato eletto Presidente Arayik Harutyunyan che ha ricevuto ben 39.860 voti (84,5%), mentre Masis Mayilian si è fermato a soli 5.728 voti (12,1%). Cinque partiti hanno ottenuto seggi nell’Assemblea nazionale dell’Artsakh: Patria libera, Blocco dell’Unità Civile Patria Unita, Partito della Giustizia, l’ARF-D e Partito Democratico, superando la soglia necessaria. Nella sua prima dichiarazione alla stampa il Primo Ministro rieletto ha dichiarato: “Sono pronto a collaborare con tutti. Ho indicato l’agenda di lavoro: un programma socio-economico generale, la questione del Karabakh, la sicurezza e un lavoro armonioso con il governo dell’Armenia. Presto inizierò gli incontri con i partiti politici parlamentari e sono aperto alla cooperazione anche con i partiti politici non parlamentari”. Una conferma che sottolinea l’importanza del processo di separazione e di indipendenza cercata continuamente dallo stato e dai suoi cittadini, sperando che un giorno possa finalmente uscire da questo complicato labirinto e superare le fasi di crisi affrontate con il suo pericoloso vicino azero.

Fonti: SENM, Jam-News

Sostieni il nostro giornalismo indipendente su Patreon, la più grande piattaforma online dedicata alle donazioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...