Hazara – Talebani: pace fatta o semplice strategia?

Secondo quanto riferito dai media locali, il gruppo militante talebano in Afghanistan ha nominato uno sciita di etnia Hazara come capo del distretto nel nord del paese, per la prima volta nella storia, al fine di ottenere il sostegno della comunità minoritaria in quell’area.

La scorsa settimana Mawlavi Mahdi è stato annunciato come il nuovo capo del distretto ombra dei talebani per la provincia settentrionale di Sar-e Pul, secondo quanto riferito dall’agenzia Khaama locale e appreso sulle principali testate internazionali da Endangered Peoples. Secondo quanto analizzato, i talebani hanno introdotto il nuovo ufficiale come “fratello sciita”, nonostante il gruppo abbia condotto un attacco mortale contro il gruppo minoritario per decenni in Afghanistan. Si è unito al gruppo per combattere contro “gli invasori ebrei e cristiani”, hanno detto i talebani al momento della sua nomina, riferendosi in particolare agli Stati Uniti. Dal 1990 infatti, i talebani hanno lanciato violenti assalti alla comunità minoritarie Hazara nel territorio afghano e nel 1998 hanno compiuto uno dei più grandi massacri contro di essi nella città di Mazar-e Sharif, la capitale di Balkh.

Sebbene la mossa di nominare un ufficiale sciita Hazara tra i propri ranghi sembri inaspettata, gli esperti ritengono che non sia altro che una mossa politica per ottenere un ampio sostegno in tutta la nazione da parte di una delle più numerose comunità minoritarie. Secondo quanto dichiarato da Sabir Ibrahimi, analista di sicurezza afgano e associato di ricerca presso il Center on International Co dell’Università di New York al The National, i talebani non sono mai stati una forza inclusiva in Afghanistan. La loro leadership a Quetta e Peshawar e il loro ufficio politico a Doha sono gestiti sempre da sunniti di etnia pashtun, ovvero quella maggioritaria. Hanno avuto da sempre comandanti tagiki sul campo, in particolare al nord, ma ora stanno cercando di includere alcune minoranze, tra cui gli stessi Hazara, nonostante siano da tempo nemici.

Nel frattempo, secondo quanto riferito da Al-Araby, un ricercatore della Rete degli analisti dell’Afghanistan, Ali Yawar Adili, ha affermato che la mossa sembrerebbe rispondere a varie strategie messe a punto dai talebani negli ultimi anni. Negli ultimi anni infatti, i talebani sono stati reclutati da altre comunità come tagiki e uzbeki. E probabilmente nel gruppo talebano si è creata una spaccatura, perdendo quella propulsione attiva nel presentarsi come un movimento nazionale, a causa della mancanza di un’influenza significativa tra i vari gruppi etnici locali in tutto il paese. Sul terreno, i talebani hanno respinto un appello del governo per un cessate il fuoco del Ramadan in Afghanistan, affermando che una tregua non è “razionale” mentre si accelerano gli attacchi contro il governo.

Il presidente afghano Ashraf Ghani ha fatto appello ai militanti affinché deponessero le armi per il mese santo islamico iniziato venerdì, mentre il paese combatte la crescente pandemia di coronavirus. Ma il portavoce dei talebani Suhail Shaheen ha twittato giovedì scorso respingendo l’offerta del governo, citando continui disaccordi su un potenziale processo di pace e un ritardo nello scambio di prigionieri come ragioni per continuare a combattere.

La mossa scelta dai talebani riuscirà a pacificare le etnie minoritarie, nonostante i grandi crimini e massacri perpetuati ai loro danni nel tempo?

Fonti: The National, Al-Araby

Sostieni il nostro giornalismo indipendente su Patreon, la più grande piattaforma online dedicata alle donazioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...