Elezioni Myanmar: alla scoperta dei partiti minoritari

In uno dei paesi con il più alto numero di minoranze etniche e nazionali (secondo alcune stime, esse superano le 130), le elezioni nazionali per lungo tempo boicottate e rimandate dalla giunta militarista al potere potrebbero significare una svolta improvvisa per l’amministrazione del paese e delle regioni. Scopriamo quali partiti minoritari sfideranno l’autorità dell’LND, il partito di maggioranza guidato dall’ex Premio Nobel per la Pace, Aung San Suu Kyi.

Tempo di lettura: 5 minuti

Cinque anni fa, le storiche elezioni hanno portato al potere la NLD, ovvero la Lega nazionale per la democrazia di Aung San Suu Kyi, dopo una lunga e pacifica lotta contro il governo militare. La nazione voterà di nuovo l’8 novembre 2020 in quello che sarà un test di popolarità del suo governo civile.

Il percorso democratico del Myanmar da allora è stato molto accidentato. L’esercito ha ancora un grande potere politico, impedendo spesso le riforme. Il paese rimane devastato dal conflitto etnico tra minoranze, rohingya e governo. La pandemia di COVID-19, che ha spinto alcuni partiti dell’opposizione a rinviare le elezioni, ha ferito un’economia ancora alle prese con una povertà ancora troppo diffusa.

Aung San Suu Kyi spingerà l’NLD verso un’altra convincente vittoria? O avrà la meglio il partito militare dell’Unione Solidarietà e Sviluppo? E i partiti emergenti, in particolare quelli che rappresentano le minoranze etniche, diventeranno gli artefici di un nuovo governo di coalizione? Noi, intanto, vi portiamo alla scoperta proprio di queste piccole ma decisive realtà politiche minoritarie, che potrebbero avere un enorme peso sulle prossime elezioni.

La Chin National League for Democracy (CNLD)

La Chin National League for Democracy (CNLD) è uno dei principali partiti politici dello stato del Chin. Essa è stata costituita nel 2019 dalla fusione di tre partiti Chin che non sono riusciti a vincere alcun seggio nelle elezioni del 2015 e la sua leadership ruota tra i leader dei tre partiti ogni sei mesi. Il suo scopo politico è anzitutto l’autodeterminazione dello stato del Chin e il raggiungimento dello status di “federato” in conformità con l’accordo di Panglong stilato nel 1947. L’attuale leader è Ngai Sark.

Il Zomi Congress for Democracy

Zomi Congress for Democracy è stato fondato nel 1988, quando il regime militare ha permesso ai partiti politici di registrarsi per la prima volta alle elezioni. Si tratta di un partito etnico alleato con la NLD di Aung San Suu Kyi. Ha vinto due seggi nelle elezioni del 1990, subito dopo ritirati dalla giunta due anni dopo. Si è nuovamente registrato nel 2012, risultando vincitore di sei seggi nelle elezioni del 2015. Il suo scopo politico principale è ottenere lo status di “federato” in conformità con l’accordo di Panglong del 1947. Il suo leader è Pu Chin Sian Thang, un ex prigioniero politico e leader dell’Unione studentesca Chin, che è stato arrestato almeno sei volte sotto il regime militare di Ne Win. Egli era anche uno dei leader dell’importante gruppo ricercato dai militari e chiamato Comitato di rappresentanza del parlamento popolare, che è stato costituito nel 1998 e guidato da Suu Kyi in una sfida diretta all’allora giunta al potere.

Il Kachin State People’s Party (KSPP)

Il Kachin State People’s Party (KSPP) è il principale partito politico nello Stato del Kachin e si prepara a sfidare tutti i collegi elettorali e conquistare molti seggi dall’NLD e dall’USDP. È stato fondato nel 2019 dalla fusione di quattro partiti locali: il Kachin State Democracy Party, il Kachin Democratic Party, l’Unity and Democracy Party of Kachin State e lo United Nationalities Federal Democracy Party. Al KSPP partecipano anche i leader di altri due partiti, il Kachin National Congress e il Kachin State Progressive Party. Il suo scopo politico è la ricerca duratura della pace nello stato e la creazione di piccoli Stati federati interni in conformità con l’Accordo di Panglong del 1947. Il leader del partito è il dottor Manam Tu Ja, ex vicepresidente della Kachin Independence Organization (KIO), ovvero l’ala politica dell’Esercito per l’indipendenza del Kachin.

Il Karen National Democratic Party

Il Karen National Democratic Party è stato fondato nel 2018 dalla fusione di tre partiti che non sono riusciti a ottenere seggi nelle scorse elezioni del 2015: il Kayin State Democracy and Development Party, il Kayin Democratic Party e il Kayin Unity Democratic Party. Gli obiettivi politici del partito sono l’autodeterminazione, il raggiungimento dello status di “federato”, la ricerca di una pace duratura nel paese e la riconciliazione nazionale tra le diverse etnie. Il leader attuale è Mann Aung Pyi Soe.

Il Kayin Peoples Party (KPP)

Il Kayin Peoples Party (KPP) è stato fondato nel 2010 da funzionari governativi in pensione. Ha vinto sei seggi alle elezioni del 2010, ma solo un seggio alle elezioni del 2015. Il partito as oggi si schiera a difesa degli interessi del popolo Karen, risultando però lontano dalla maggioranza delle preferenze popolari. Il suo leader attuale è Tun Aung Myint.

Il Kayah State Democratic Party

Il Kayah State Democratic Party è stato formato attraverso la fusione nel 2017 del Kayah Unity Democracy Party e del Kayah State, il partito All Nationals ‘Democracy Party. Lotterà per conquistare circa 30 seggi su 33 nello Stato in questione e i suoi obiettivi politici sono, come tutti i gruppi minoritari e indipendentisti, il raggiungimento dello status di “federato”, la pace e lo sviluppo del paese. Il suo leader è Phoe Rel.

Il Mon Unity Party

Il Mon Unity Party è stato registrato solo di recente, nel 2019, dalla fusione di due partiti di etnia Mon: il Mon Democracy Party – precedentemente noto come Mon National Democratic Front, fondato nel 1988; e l’All Mon Region Democracy Party, fondato nel 2010 quando il Mon National Democratic Front boicottò le elezioni. Entrambi i partiti hanno contestato le elezioni del 2015, a causa dell’ottenimento di soli quattro seggi. Essi sperano che la loro fusione possa dare loro una rappresentanza più forte e pervasiva dopo le elezioni del 2020, quando concorreranno almeno per 12 seggi negli stati di Mon e Karen e nella regione di Tanintharyi. Gli obiettivi politici del partito sono la difesa dei diritti umani per l’etnia Mon e il raggiungimento dello status di “federato” dello stato. Il suo leader è il dottor Min Nwe Soe.

L’Arakan National Party (ANP)

L’Arakan National Party (ANP) è stato fondato nel 2010. In origine era conosciuto come Rakhine National Development Party ed è risultato vincitore di 35 seggi nelle elezioni del 2010. Nel 2013, il partito si è fuso con l’Arakan League for Democracy per creare l’ANP, che ha vinto 22 seggi parlamentari nazionali nel 2015 e 22 seggi nella legislatura statale, compreso un ministero per gli affari etnici. Il suo leader è Thar Tun Hla.

L’Arakan League for Democracy (ALD)

L’Arakan League for Democracy (ALD) è stata fondata nel 1989 dal Dr. Saw Mra Aung e dal suo attuale leader Aye Thar Aung, che attualmente è vice presidente della Camera alta. Il partito si è separato dall’ANP nel 2017 e si è nuovamente registrato come partito a sé stante solo nel 2019.

L’Arakan Front Party (AFP)

L’Arakan Front Party (AFP) è stato formato dal Dr. Aye Maung, il fondatore del Rakhine National Development Party, dopo che si era separato dall’ANP. Egli, nel marzo 2019 è stato condannato a 20 anni di carcere con l’accusa di alto tradimento e istigazione per aver pronunciato un discorso intinidatorio contro il governo e accusato di opprimere il popolo Rakhine. Il partito è ora guidato da suo figlio, Tin Maung Win e dai suoi colleghi.

La Shan Nationalities League for Democracy (SNLD)

La Shan Nationalities League for Democracy (SNLD) è stata fondata nel 1988 ed è ad oggi il più grande partito politico nello Stato Shan. I suoi leader sono stati imprigionati nel 2005 per aver tentato di unire tutti i partiti Shan in uno, compresi i gruppi armati in lotta col governo militarista. Il partito si è nuovamente registrato nel 2012 e ha contestato le elezioni del 2015. L’SNLD prevede di concorrere nelle elezioni del 2020 principalmente nella Divisione di Mandalay, nello Stato Shan e nello Stato di Kayah. Il partito sostiene il federalismo in conformità con l’accordo di Panglong del 1947 ed il suo leader è Hkhun Htun Oo, nipote dell’ex sovrano ereditario Shan, Sao Kya Seng, scomparso nel 1962 dopo il colpo di stato che ha portato a cinque decenni di governo militare. Hkhun Htun Oo ha trascorso sei anni in prigione dopo aver cercato di organizzare feste culturali Shan, ed è stato rilasciato dopo un’amnistia generale del 2011 quando il Myanmar ha iniziato la sua lenta transizione democratica.

Lo Shan Nationalities Democratic Party (SNDP)

Lo Shan Nationalities Democratic Party (SNDP) è stato fondato nel 2010 da un gruppo separatista del SNLD che non era d’accordo con il boicottaggio delle elezioni di quell’anno. Nel tempo ha lottato per ottenere una base politica compatta e nelle elezioni del 2015 ha vinto un seggio unico nel parlamento statale e regionale. Il suo leader è Sai Aik Paung (Sai Aik Pao), un ex membro del comitato esecutivo centrale dell’SNLD che ha fondato l’SNDP per contestare le elezioni del 2010.

Un mosaico politico indecifrabile

Nonostante la grandissima varietà di partiti locali, regionali e statali che decideranno di sfidare l’attuale leadership dell’NLD, sembra chiara la volontà dei diversi gruppi etnici nazionali di voler vedere la propria identità maggiormente rappresentata a livello nazionale. E proprio le richieste di una pace duratura, così come di maggiori investimenti e dell’ottenimento dell’autonomia nei confronti del potere centrale potrebbero essere i cardini di una nuova realtà politica a macchia di leopardo, la quale potrebbe risultare determinante nei rapporti con gli altri partiti.

Fonti: RFA.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...